radiografia

La radiografia digitale: di cosa si tratta

  • 0/5
  • 0 ratings
0 ratingsX
Very bad! Bad Hmmm Oke Good!
0% 0% 0% 0% 0%

Forse non tutti sanno che le radiografie dentali digitali, al pari di quelle tradizionali, emettono Raggi X. Se devi eseguire una radiografia digitale, l’odontoiatra si servirà di sofisticati sensori che, collegati ad un computer, generano l’immagine. Diversa era la radiologia utilizzata in tempi meno recenti che registrava le immagini su lastre. Nel caso tu sia sottoposto ad una radiografia intra-orale, procedura diagnostica molto dettagliata, dovrai mettere in bocca un sensore digitale.

Il sistema è utilissimo per verificare la presenza di carie e di processi infiammatori di varia natura ma anche per evidenziare denti inclusi che non riescono a erompere oppure per procedere al trattamento del canale radicolare. Quando dovrai sottoporti ad una radiografia extra-orale, invece, il dentista disporrà delle immagini del cavo orale e di quelle delle ossa del cranio: generalmente questa attività diagnostica viene fatta in caso si renda necessario applicare un impianto o una protesi.

 

 

Radiazioni per l’acquisizione digitale

Il dentista esegue le radiografie dentali solo quando è necessario, infatti di tratta di un test non sempre indispensabile. Se fai un esame con 4 esposizioni alle radiazioni bitewing, il tuo organismo assorbe circa 0,005 millisievert. Decisamente pochi se li paragoni ai 3 millisievert che vengono assorbiti dall’uomo a causa delle radiazioni della terra, quindi il problema nasce solo se ti sottoponi sistematicamente ai Raggi X.

Evitare l’abuso è una attenzione che deve riguardare soprattutto i bambini le cui cellule si moltiplicano in modo molto veloce. Come abbiamo detto l’indagine diagnostica, proprio perché prevede radiazioni, è da escludere per controlli routinari ma ricorda che può essere indispensabile se nel tempo hai dimostrato che i tuoi denti si ammalano frequentemente.

 

03

Le attenzioni del dentista

In caso sia necessaria una indagine mediante radiografie dentali, l’odontoiatra ti esporrà alla quantità minima di raggi X. Naturalmente se una donna è in gravidanza dovrà comunicarlo allo specialista. Adottare le dovute precauzioni è comunque indispensabile, soprattutto con i più piccoli che dovranno indossare il collare piombato per proteggere la tiroide. Si tratta, comunque, di indagini di ultima generazione rapide e non invasive.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie . Il non consenso porta al non corretto funzionamento di questo sito web. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi